Modalità:  
domenica 24 settembre 2017
Registrazione | Login
Penna & Billy - Pennabilli 2007
Pennabilli - Giugno 2007 Riduci
Penna & Billy
Un bel giorno di primavera,
non era bianca non era nera,
una penna assai felice
si incontrò con una radice.

Nel frattempo che amoreggiavano,
e un pochetto pure cantavano,
passò una carovana con bestie da soma.
Lo chiesero, eran di Roma!

La timida penna, mentre passava il circo,
chiese alla radice: "Mica ti chiami Mirco?".
La radice tra baci e sbadigli
le rispose: "No! Mi son Billy!".

Si amavano e cantavano,
cantavano e si amavano
che si accorsero in un fiato
che il circo si era appostato.

Una gran fila di carrozzoni,
alcuni fiammanti altri bidoni,
sciavano allegramente
sopra il fango evitando la gente!

Nessuno si accorse
che più in là con negli occhi le borse
delle genti davvero indignate
gridavan accorate:"Non frenate, non frenate!!"

E via le ruote bagnate e scivolose
danzavan felici del brivido curiose.
Ma colui che saggio un bel finale attende
sappia che incolumi son restate le tende!

Lasciati i carrozzoni a smaltire il coraggio
i pagliacci si apprestano a riposar del viaggio.
E montano, leggono,
smontano e sorreggono.

Rimontano, rileggono,
rismontano e risorreggono..
che alla fine della pioggia
la collina appare una reggia!

Sopportata così questa dura fatica
la carovana va in cerca della cucina amica.
Non monete ma cartoncini
le servono per gustar dei bocconcini.

Ma ben più nobile e per nulla meschino
è senz'altro sorseggiar del vino!

E per quanti sperano di gioir in discoteca
non sanno quante meraviglie dona l'enoteca.

E così in quattro e quattr'otto,
o meglio due due e un vaso rotto,
nessuno del bel circo colorato
alle dieci di sera non era già cascato!

E magnifici prodigi si sono avverati.
Musica, canti e cappelli colorati
hanno aperto le danze
per aprire le panze.

Ma colui che impavido le sorprese non disdegna,
non sa cosa il destino per lui disegna.
E qualche incidente assai particolare
in quell'atmosfera si doveva pur trovare.

E così è capitato
che ad un allegro malcapitato,
si fosse appiccicato proprio sulla panza
un curioso oggetto di una strana sostanza.

Questa è la scena che si ebbe davanti agli occhi,
tanto che Penna e Billy si sentirono due sciocchi.
Cercaron di capire cosa stesse succedendo
ma gli apparve davanti uno spettacolo tremendo.

Tra risa, schiamazzi e sbalzi di voce,
apparve sulla strada un'immensa croce.
E appoggiato non c'era un dio ma un sire
che aveva senz'altro delle curiose mire.

Infatti non voleva conquistare il mondo,
ma al massimo fare un girotondo.
E non voleva salvare l'umanità,
voleva regalare un pò di felicità!

Silene


         Stampa    
Home  |  Chi siamo  |  Gli stradabanditi  |  Appuntamenti  |  Dicono di noi  |  Diciamo di noi   |  Contatti  |  Foto   |  Musica  |  Link

Copyright (c) 2000-2006
DotNetNuke® is copyright 2002-2017 by DotNetNuke Corporation